Maria a Medjugorje

Messaggio del 2 settembre 2009:Cari figli, oggi vi invito con cuore materno a imparare a perdonare completamente e senza condizioni. Voi soffrite ingiustizie, tradimenti e persecuzioni, ma per questo siete più vicini e più cari a Dio. Figli miei, pregate per il dono dell’Amore, solo l’Amore perdona tutto, come ha fatto mio Figlio, seguite Lui. Io sono in mezzo a voi e prego perché quando sarete di fronte al Padre possiate dire: 'eccomi Padre, ho seguito tuo Figlio, ho amato e perdonavo col cuore perché credevo nel tuo giudizio e confido in te'.

Padre Marijan: “…penso che oggi Medjugorje sia necessaria all'umanità e che sia un grande segno.”

22/11/2021 - Visite: 166
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
Sono legato alla chiesa da quando ero bambino. Mia nonna mi ha trasmesso la fede insegnandomi tante cose. Andavo in chiesa, cantavo nel coro ed ero uno dei giovani attivi.  Credo proprio che la nascita  della mia vocazione sia avvenuta già  nella mia infanzia. Da bambino fantasticavo,  giocavo a fare il prete in compagnia di un sacerdote, mi sarebbe tanto piaciuto "celebrare" addirittura. Da bambino sognavo il sacerdozio, ma la gioventù, spesso, porta  lontano! Lasciai Petrinja per andare il più lontano possibile dalla mia famiglia. Ho studiato  Ingegneria Civile a Fiume. Volevo essere il più lontano possibile dalla famiglia perché c'erano alcuni problemi familiari. Cominciai a vivere,  per così dire, una vita parallela. Nel 2008 arrivò, però, un momento, direi cruciale, nella mia vita.
 Nel 2007 venni a Medjugorje per la prima volta, mosso soltanto dalla curiosità. Nel 2008  ascoltai una testimonianza molto incisiva al Mladifest. Parlava un sacerdote  che ad un certo punto disse: "Forse Dio ti sta chiamando. Non soffocare quel germe che Dio ha piantato in te da bambino". Ebbi la certezza  che quelle parole erano dette a me, Dio mi stava parlando. Poi, nel 2008 è successo qualcosa di rivoluzionario quando padre Mike, un prete americano,  testimoniava toccandomi il cuore! Il racconto della sua vita era
 l' immagine speculare della mia  vita e quando disse: "Uno di voi, un giorno, sarà qui e testimonierà." Rivolsi uno sguardo a Dio, pensando che sarebbe stato bello se fossi stato io quell'oratore! Era l'anno 2008.
Poi, dopo un anno di resistenza e lotta con Dio, ho perso quella battaglia. Numerosi segni e miracoli sono avvenuti qui a Medjugorje e quindi alla fine  decisi di intraprendere la strada del sacerdozio. È interessante che fui ordinato sacerdote il 25 giugno 2016, esattamente quel sabato in cui qui a Medjugorje è stato celebrato il 35° anniversario delle apparizioni della Madonna. Sono sacerdote da 5 anni. È difficile definire questo luogo, ma di  sicuro, quando vengo a Medjugorje sento in me tanta pace. Dico sempre che sono arrivato nel posto più sicuro del mondo. Ecco, solo stare qui mi basta. Non ho bisogno di niente, perché mi sento così realizzato, e penso che oggi Medjugorje sia necessaria all'umanità e che sia un grande segno. Sono sicuro che la Madonna a Medjugorje cambierà l'umanità e la convertirà secondo questi eventi e che diventerà qualcosa di permanente".
Padre Marijan Štingl

Fonte: Media Mir Medjugorje It