Maria a Medjugorje

Messaggio del 1 gennaio 2001:Questa sera in modo speciale vi ho voluto qua. In modo speciale adesso in cui satana è libero dalle catene. Io vi invito a consacrarvi al mio cuore e al cuore di mio figlio. In modo speciale adesso cari figli miei vi invito ad essermi vicino. Io vi benedico tutti con la mia benedizione materna. Andate in pace cari figli miei.

E i 10 comandamenti?

31/08/2022 - Visite: 426
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter

Questo messaggio è talmente forte che non possiamo lasciarlo passare come se niente fosse. San Paolo dice che “il salario del peccato è la morte” e la Scrittura non è superata!

Molti conoscono la bellissima testimonianza di Gloria Polo (vedi http://www.gloriapolo.net/). Questa donna colombiana ha vissuto la morte dopo essere stata colpita da un fulmine, e racconta come, comparendo davanti a Dio, ha scoperto con orrore che aveva violato tutti i comandamenti di Dio, pur dichiarandosi una “buona cattolica”.

Qualche esempio:

Credeva di non aver mai ucciso nessuno. Ma aveva finanziato degli aborti. Ha visto diversi bambini che lei stessa aveva abortito, visto che usava la spirale (mezzo abortivo e non contraccettivo), bambini concepiti in lei e espulsi. Proprio lei aveva provocato il suicidio di una ragazza dicendole con disprezzo: “Come sei grassa!”.

Pensava di non aver mai tradito suo marito. Ma cercava di sedurre gli uomini vestendosi in modo provocante, così da indurli all’adulterio con il pensiero. Alle donne tradite dai loro mariti, consigliava di fare altrettanto e predicava contro il perdono. Incoraggiava il divorzio e la convivenza prima del matrimonio.

Diceva: ‘Non ho mai rubato!’. Ma aveva sottopagato delle persone povere che lavoravano da lei. Criticava le persone ed il Signore le aveva mostrato che criticare è come rubare l’onore della persona. Sprecava il mangiare. La voce le diceva anche che lei derubava i suoi figli della grazia di avere una madre tenera e piena di amore.

Diceva di amare i suoi genitori. Ma li aveva disprezzati per le loro poverisssime origini ed aveva fatto in modo di allontanarli dalla sua vita. E si serviva dell’aiuto che dava loro, per manipolarli e schiacciarli.

Diceva: ‘Vado alla messa alla domenica’. Ma ci andava dopo essersi occupata del suo corpo per 4 o 5 ore, ci arrivava in ritardo e non pregava sinceramente neppure per 10 minuti. In più si pavoneggiava per farsi ammirare.

Aveva deciso di non confessarsi mai, dicendo: ‘Quei vecchi signori sono peggio di me!’.

Quando mentiva (spesso) aggiugeva: ‘Se non dico la verità che un fulmine mi colpisca qui e adesso!’

Ecc… Aveva violato tutti i comandamenti di Dio!

Mentre riconosceva, alla luce di Dio, i suoi pensieri segreti e vergognosi, si vedeva precipitare all’inferno. Nella sua angoscia di si ricordò di una frase detta da un paziente che non aveva avuto paura di dirle: “Dottore, lei è molto materialista, ed un giorno avrà bisogno di quanto le dico: in caso di pericolo imminente, domandi a Gesù Cristo di coprirla con il Suo Sangue, perchè non la abbandonerà. Gesù ha pagato per lei con il Suo Sangue”. E questo è quello che lei fece.

Miracolosamente ritornata in vita, Gesù le fece conoscere che era stata salvata dalla morte eterna, grazie ad un contadino poverissino che avendo visto sul giornale, nel quale era avvolto quello che aveva comprato al mercato, il racconto di questo temporale assassino, era rimasto così dolorosamente colpito dalla morte improvvisa di questa donna, da decidere subito di fare un pellegrinaggio a piedi al santuario mariano di Buga (molto lontano da dove abitava) per la salvezza di questa “sorellina”. La sua preghiera aveva salvato Gloria. Senza di lui, diceva, sarei adesso all’ inferno! Il Signore disse a Gloria: “E’ così che si ama il prossimo!”.

Gloria adesso è una apostola meravigliosa, testimonia davanti a folle di persone in America Latina e altrove. Nell’ascoltarla tanti si convertono. E’ molto raro trovare qualcuno che ha fatto la sua esperienza di essere immersa nel peccato e di trovarsi davanti a Dio senza pentirsi…

La Gospa vuole che viviamo e che non moriamo. Sta a noi seguire con tutto il cuore il ‘codice della strada’, cioè le 10 Parole di Vita che Dio ha dato a Mosè per noi e tutte le parole di Gesù nel Vangelo. La Madonna non ha inventato nulla, perché queste Parole, lungi dall’essere superate, sono al giorno d’oggi più che mai necessarie per la nostra salvezza eterna. Esaltando il peccato, il nostro mondo esalta la propria morte! E se ne vedono già gli effetti nei tormenti interiori e nelle ferite, specialmente nei nostri giovani. Ma Maria viene in nostro soccorso, accogliamola fino a che ne abbiamo il tempo!

“Invitate le persone a confessarsi ogni mese, specialmente i primi venerdì del mese. Tutti sulla terra hanno bisogno di una confessione mensile. La confessione mensile sarà un rimedio per la Chiesa d ‘Occidente” ci dice la Madre di Dio! (6.08.82)


https://sremmanuel.org/newsletter/15-ottobre-2009/

Suor Emmanuel Testimonianze