Maria a Medjugorje

Messaggio del 25 aprile 1990:Cari figli, oggi vi invito ad accogliere seriamente e a vivere i messaggi che io vi do. Io sono con voi e desidero, cari figli, che ciascuno di voi sia il più possibile vicino al mio cuore. Perciò, figlioli, pregate e cercate la volontà di Dio nella vostra vita quotidiana. Desidero che ciascuno di voi scopra la via della santità e cresca in essa fino all'eternità. Pregherò per voi e intercederò davanti a Dio affinché comprendiate la grandezza di questo dono che Dio mi dà di poter essere con voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Commento del messaggio del 25 febbraio 1994

Cari figli, oggi vi ringrazio per le vostre preghiere. Voi tutti mi avete aiutata affinché questa guerra finisca il più presto possibile. Io vi sono vicina e prego per ognuno di voi e vi supplico: pregate, pregate, pregate. Solo attraverso la preghiera possiamo vincere il male e proteggere tutto quello che satana desidera distruggere nella vostra vita. Io sono vostra madre e vi amo tutti ugualmente ed intercedo per voi presso Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.
Sono partito da Medjugorje il 24 febbraio, dopo una settimana di nevicate che mi hanno colto di sorpresa, perché non accadeva da dieci anni. Poi sono arrivati dei bellissimi giorni primaverili. Stanno arrivando sempre più pellegrini: numerosissimi sono francesi e appartengono alle comunità delle Béatitudes e della Confraternita di Maria, Regina Immacolata dell'Universo. Vicka è a Medjugorje, mentre Jakov e la moglie si trovano in Italia. Marija e suo marito stanno bene e Ivan è negli Stati Uniti per partecipare a molte conferenze. lvanka ha dato alla luce il suo terzo figlio, un bimbo di nome Ivan, e Mirjana aspetta il secondo. Vorrei salutare tutti voi, individui e gruppi di preghiera, e ringraziarvi per aver aspettato con tanta impazienza il messaggio di Nostra Signora la Regina della Pace. Stavolta mi trovo a Miami, in Florida, assieme a Milona von Habsburg per partecipare a un'importante conferenza mariana internazionale. lì tema della conferenza è: MARIA NOSTRA MADRE CONSOLATRICE DELL'ANIMA. Migliaia di persone sono venute dall'America Latina, fra cui molti sacerdoti e molte suore. In occasione dell'ultima Santa Messa, ci è stato permesso di testimoniare molte guarigioni spirituali e fisiche concesse dal Signore. La Conferenza è stata organizzata dal Centro della Pace della Florida e devo dire che sono stati bellissimi giorni di preghiera, di Adorazione del Santo Sacramento e di Confessione. Abbiamo parlato soprattutto della misericordia di Dio, delle cause delle nostre sofferenze e di come Dio ci porta consolazione, speranza e guarigione attraverso Maria. Che Dio benedica tutti coloro che hanno organizzato e sostenuto queste iniziative con la preghiera e preghiamo affinché possano continuare ad essere strumenti di pace e di riconciliazione. A questa ricca settimana hanno fatto seguito altre 3 serate di preghiera a Miami e poi un fine settimana a Montreal, in Canada. Poi siamo ritornati a casa.
La situazione politica vive un momento di calma, in cui c'è maggior spazio per le iniziative diplomatiche. L'ultimatum della NATO ha dimostrato che la comunità internazionale avrebbe potuto fermare, la guerra e avrebbe potuto risparmiare tante sofferenze alla nostra gente. E sempre più evidente il fatto che dietro alla guerra sì nascondono molti giochi politici sporchi.
La cosa più triste è che siano gli uomini semplici, e le povere famiglie a subirne le conseguenze, a essere cacciati dalle proprie case e mandati al fronte, quando invece i potenti e le loro famiglie se ne stanno al sicuro in qualche posto ben lontano dai combattimenti. Mi ricordo il ritornello di una canzone che è stata composta in tempo di guerra: "Diò, proteggi le nostre colombe, e i nostri poveri, anche i ricchi si faranno strada nella guerra".
Le sofferenze sono enormi su tutti i fronti coinvolti. Prigionieri, profughi, persone scomparse, vedove, orfani, feriti e invalidi sono fin troppo reali nella nostra vita quotidiana e noi cerchiamo di dare una mano grazie alla generosità di tanti pellegrini. Vorrei esprimere ancora una volta la mia gratitudine a tutti i nostri benefattori, assicurando loro le nostre preghiere.

VOI TUTTI MI AVETE AIUTATO AFFINCHÈ QUESTA GUERRA FINISCA IL PIÙ PRESTO POSSIBILE
Questo messaggio ci dà qualche speranza. Anche se la Madre di Dio ci dà sempre speranza e coraggio con la sua presenza, in alcuni messaggi ci rimprovera, dicendoci che non preghiamo abbastanza, che siamo responsabili del protrarsi della guerra e che Lei potrebbe fermarla presto se solo noi pregassimo e digiunassimo di più. Stavolta ci ringrazia per le preghiere e per l'aiuto che le diamo nel far sì che la guerra finisca "il più presto possibile".
Oh, speriamo che tutto questo diventi presto una realtà. Parlando con Marija al telefono, le ho chiesto che cosa secondo lei potevano significare queste parole.
La veggente mi ha risposto che anche lei aveva provato speranza ascoltando questo messaggio e che aveva l'impressione che quel suo ringraziamento fosse inteso per i giorni di preghiera e di digiuno dal 21 al 23 gennaio. Siamo abituati a sentirle dire "Vi ringrazio per aver risposto alla mia chiamata" alla fine di ogni suo messaggio. In questo messaggio, però, possiamo capire che ci ringrazia di averla aiutata a proteggerci. Come madre è grata quando un suo figlio le permette di aiutarlo e proteggerlo. Accade spesso che i genitori debbano assistere impotenti alla distruzione del proprio figlio, senza poter fare nulla per impedirglielo. E quanto grati sono invece quando possono aiutarlo.
Nella gratitudine di Maria possiamo sentire il profondo amore e la compassione che ci riserva e dovremmo provare il desiderio di darle più spazio nella nostra vita, nelle nostre famiglie e nella Chiesa. E allora ci incammineremo tutti sul sicuro cammino della pace e della riconciliazione. Lei ci garantisce la sua presenza e le sue preghiere.
La sua presenza a Medjugorje è il primo messaggio, che possiamo definire il più importante. Tutto quello che sta accadendo è un frutto della sua presenza speciale, feconda di grazie.

IO VI SONO VICìNA, PREGO PER OGNUNO DI VOI E VI SUPPLICO: PREGATE, PREGATE, PREGATE
Sappiamo che Maria ha già espresso questo triplice appello alla preghiera. Nell'ottobre 1991, il messaggio era formato solo da queste 3 parole, senza nemmeno l'usuale formula di ringraziamento finale. In quel periodo, la guerra in Croazia ebbe una svolta cruciale verso il peggio. In questo caso, naturalmente l'appello non riguarda solo la guerra in ex Jugoslavia, bensì il male in tutte le sue forme e in tutto il mondo. Lei prega con noi e ci dice quindi che la preghiera solamente può fare qualcosa di positivo. Non abbiamo bisogno di grandi spiegazioni per capire questo semplice messaggio e nemmeno di sapere quanto male c'è nel mondo. Molte persone si sono scoraggiate a causa di ciò e non vedono più la ragione di combattere il male. Si limitano ad arrendersi di fronte al male e a non fare nulla, e così finiscono col rendersi complici del maligno, consapevolmente o meno. In questo messaggio ricevuto in tempo di Quaresima, Maria ci parla non solo della sconfitta del male, ma anche della protezione del bene che c'è nelle nostre vite. L'opera di Satana mira sempre alla distruzione del bene.

SOLO ATTRAVERSO LA PREGHIERA POSSIAMO VINCERE IL MALE E PROTEGGERE TUTTO QUELLO CHE SATANA VUOLE DSITRUGGERE NELLA VOSTRA VITA
L'opera di Maria, la sua missione verso di noi, è quella di proteggere. L'amore materno ci chiama, ci incoraggia a collaborare con Lei, così che non solo sconfiggeremo il male, ma preserveremo anche il bene. Lo scopo della Quaresima è sempre quello di far crescere le virtù della speranza, dell'amore, della fede, della misericordia e di sconfiggere il male. In questo caso, è bene ricordare il messaggio in cui Maria ci incoraggia a lavorare i nostri cuori come si lavora la terra nei campi. Tutto questo risponde a una logica semplicissima. Anche il seme migliore non darà buoni frutti se la terra non è stata ripulita dalle erbacce e poi arata. La collaborazione con Maria è fondamentale in questo tempo. Solo così gli individui, le famiglie, la Chiesa e il mondo raggiungeranno la pace. Solo così potremo partecipare alla Risurrezione.

IO SONO VOSTRA MADRE, VI AMO TUTTI UGUALMENTE ED INTERCEDO PER VOI PRESSO DIO
Queste parole sono incoraggianti per tutti noi che cerchiamo di seguire i suoi messaggi. Attraverso Maria, Dio ha sconfitto il peccato. Lei non è mai stata macchiata dal peccato e quindi grazie a Lei Satana verrà sconfitto. Ci viene promesso il "Trionfo", con il quale possiamo aiutare il mondo a prendere la strada della redenzione. Tante sofferenze potrebbero essere evitate. Maria non si stanca mai di ripeterci che ognuno di noi è importante per il piano che Dio le ha affidato. Cari amici e alunni della scuola della Regina della Pace, vi auguro una Quaresima davvero spirituale, di crescere nell'amore e nella fede, di purificarvì bene dal peccato e di liberarvi da qualsiasi cattiva abitudine; vi auguro un'autentica vittoria sul male e il successo nella protezione del bene. Dio vi benedica tutti e Maria, la Regina della Pace, vi protegga e vi guidi verso il vero trionfo.

Padre Nostro misericordioso, Ti chiediamo di liberare tutti noi dallo spirito di distruzione. Dona a noi, alle nostre famiglie, a tutta la Chiesa e al mondo intero la grazia di resistere ad ogni male attraverso la preghiera. Proteggici, o Padre, da ogni distruzione della vita e proteggi la vita nata e quella non nata. Ti ringraziamo perché Maria è con noi come madre. Dacci la grazia di restarTi sempre fedeli, come lo fu Lei. Dacci la grazia di sconfiggere con il suo aiuto tutto ciò che è male. Libera tutti noi e tutti coloro che sono sotto l'influenza del maligno e libera coloro che si sono consacrati a Satana. Da loro la forza di liberarsi e in liberta vivere assieme agli altri con onore Amen.
Miami, Florida, USA, 29 febbraio 1994