Maria a Medjugorje

Messaggio del 15 dicembre 1987: Preparate in voi un cuore caldo dove Gesù possa abitare non un giorno solo ma per sempre.

Le opinioni personali

15/01/2023 - Visite: 249
IncrFont Stampa Facebook Twitter

E’ un’arma che satana utilizza molto spesso per seminare la confusione nel seno della Chiesa. E’ il pericolo maggiore che Benedetto XVI chiama relativismo. Tutto diventa relativo. Sotto il pretesto della libertà (in realtà una falsa libertà), io radicalizzo la mia opinione su un certo punto della dottrina e ciò disprezzando la Parola di Dio e l’insegnamento della Chiesa. Se qualcuno decide di pensare che satana non esiste, non vuol certo dire che satana cessi di esistere. Se Gesù stesso ne parla nel Vangelo, allora la domanda non si pone affatto. Se si dice che convivere fuori del matrimonio è ammissibile per un cristiano, significa annullare le parole di Cristo ed i Comandamenti di Dio, che sono oggettivi e non dipendono dalla moda. Nuotiamo nel soggettivismo. Ciascuno si "taglia" la sua piccola fede secondo quanto gli conviene e come gli piace. Non si cerca e non si annuncia più la Verità, ma una distorsione della verità, una convinzione, un’ opinione personale e soggettiva, che viene messa al disopra del Magistero della Chiesa. Si tratta di un grosso peccato d’orgoglio, pretendendo di possedere la verità da soli. Si erige la propria opinione come dogma. La Chiesa è guardiana dell’ ortodossia della fede. Per questo è vitale riferirsi in materia di dottrina sempre e solo al Magistero della Chiesa. Alcuni fedeli sono disorientati e messi in difficoltà quando ascoltano, da persone di chiesa, versioni differenti su punti fondamentali della nostra fede.

Dall’inizio delle apparizioni, la Vergine ha chiesto ai sacerdoti: "Fate ciò che la Chiesa vi domanda". Durante l’apparizione del 2 settembre, la Madonna ha pregato perché "i pastori ci conducano sul cammino della verità". Ecco la nostra pace, ecco la guarigione dalla nostra confusione! I cattolici hanno la Bibbia ed il Magistero come riferimenti sicuri per la loro fede, senza contare gli insegnamenti dei santi e dei Padri della Chiesa. Ed ogni fedele può avere accesso a queste immense ricchezze. Molti fraintendimenti sarebbero evitati se i cattolici studiassero la fede cattolica con la stessa attenzione con cui si applicano allo studio del funzionamento di un computer. Perché contrastare le luci che Dio ci dona, con il pretesto di preferire di pensare in maniera diversa? Il nemico ci fa credere che esercitiamo così la nostra libertà, mentre in realtà, è lui che ci pone un ostacolo, un dubbio, per farci sbagliare e dividerci.
Nel Catechismo della Chiesa cattolica si trovano della pagine stupende sui punti fondamentali della nostra fede, in particolare su ognuno dei 10 comandamenti di Dio. Sarebbe bene che tutte le famiglie possedessero questo libro e lo leggessero. Anche nei casi nei quali facciamo una domanda sui costumi, abitudini o sulla dottrina a un sacerdote o a un semplice fedele cattolico, dovremmo precisare che noi ricerchiamo non la sua opinione personale, ma quello che dice la Chiesa ed i motivi per i quali essa afferma le cose. In tal modo saremo riuniti in una stessa fede, quella ricevuta dagli apostoli. Le opinioni personali sono svariate, la nostra fede è una sola. "Cari figli, ci dice la Madonna, abbiate una fede solida!"

Fonte: https://sremmanuel.org/newsletter/september-2011-3/