Maria a Medjugorje

Messaggio del 23 giugno 2017:Cari figli, sono venuta a voi e mi sono presentata come Regina della pace. Anche oggi desidero invitarvi a pregare per la pace. Cari figli, che sia la pace, che la pace regni nel mondo! Cari figli, siate perseveranti nella preghiera. Lottate contro il male, contro il peccato e contro gli idoli del mondo di oggi che vi traviano. Siate saldi, siate forti nella fede! Per essere forti nella fede, pregate! Pregate, e attraverso la preghiera incontratevi con mio Figlio, affinché egli vi conceda la forza, affinché egli vi conceda la grazia. Siate aperti! La Madre prega per tutti voi, e per tutti voi intercede presso suo Figlio. Grazie, cari figli, per aver anche oggi risposto alla mia chiamata.

Padre Slavko: « Sconfiggete Satana con il Rosario in mano »

28/10/2004 - Visite: 2295
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
Ieri erano in tre all'apparizione: Vicka, Marija e Ivan: hanno pregato Padre Nostro, Ave Maria, Gloria. Al secondo Padre Nostro si sono inginocchiati e l'apparizione è durata cinque minuti. Nel messaggio di ieri la Madonna ci invita alla lotta contro Satana con la preghiera. E ha detto: «Satana adesso sa che voi sapete che lui lavora. Pregate e sconfiggetelo con la preghiera, col Rosario in mano ». Da un mese, quasi in ogni messaggio, la Madonna ripete: « Attenzione a Satana! » e un teologo ha detto: « La più sicura strategia di Satana è quando la gente dice che non esiste e non lavora. Quando rimane nascosto può fare tutto ». Ma la Madonna lo ha scoperto e allora si può dire che è arrabbiato e vuole lavorare ancora di più. Ma non c'è bisogno di avere paura di Satana. La Madonna una volta ci ha detto: « Con una preghiera ardente, con l'amore umile lo si può disarmare più facilmente » e ha promesso di proteggerci. Ad ogni modo se noi restiamo su questo cammino della fede, della preghiera e del digiuno, il progetto del Signore su di noi vincerà. Il suo progetto è universale e personale. Se io lascio che il peccato distrugga la mia pace, il mio amore, Satana ha già distrutto un po' del progetto del Signore, perché il Signore vuole che noi tutti siamo salvati. Così allora un invito forte a pregare, a digiunare e ad abbandonarci nella fede.