Maria a Medjugorje Messaggio del 25 novembre 1999: Cari figli, anche oggi vi invito alla preghiera. In questo tempo di grazia, che la croce sia per voi il segno indicatore dell'amore e dell'unità attraverso le quali viene la vera pace. Perciò, figlioli, pregate in questo tempo specialmente perché nei vostri cuori nasca il piccolo Gesù, Creatore della pace. Soltanto attraverso la preghiera voi potrete diventare i miei apostoli della pace in questo mondo senza pace. Per questo pregate fin quando la preghiera diventi per voi gioia. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Don Gabriele Amorth: Una catena di "Ave, Maria"




Nella recita devota del Santo Rosario, chiedendo alla Madonna di pregare per noi, "adesso e nell’ora della nostra morte", teniamo sempre aperta una finestra sull’eternità.

Parlando del Rosario, il pensiero va subito alla stupenda definizione di Paolo VI: "Compendio di tutto il Vangelo". La caratteristica principale di questa preghiera è di essere al tempo stesso orazione e meditazione dei principali Misteri cristiani. È per questo che la Madonna a Fatima propone il Rosario come l’antidoto dell’ateismo: l’uomo d’oggi ha più che mai bisogno di pregare e di meditare le grandi verità rivelate. Non ci stupiamo allora dell’insistenza dei Pontefici nel raccomandare questa preghiera, particolarmente di San Pio V [che scrisse nel 1569 il primo documento pontificio di sanzione ufficiale del Rosario], di Leone XIII [con le sue dodici Encicliche sul Rosario], di Paolo VI, del Beato Giovanni XXIII e, ora, di Giovanni Paolo II, il Papa della Lettera apostolica "Rosarium Virginis Mariae".

A proposito del Beato Papa Giovanni, è significativa – nella sua bonarietà – l’espressione che soleva ripetere: "Figlioli, la giornata del Papa non è terminata, se non ho recitato i 15 Misteri del Rosario…".

Preghiera alla Vergine per tutta l’umanità

Se siamo tentati, nella nostra recita personale o comunitaria del Santo Rosario, di essere ripetitivi, ‘meccanici’, abitudinari, pensiamo piuttosto alla fortuna di Santa Bernardetta, quando alla Grotta delle Apparizioni vedeva la Madonna davanti a sé che, insieme a lei, faceva scorrere i grani della corona: dobbiamo ben credere che la Vergine è sempre davanti a noi, anche se non la vediamo; e dobbiamo immaginare che tutta l’umanità è come tenuta insieme dal filo che lega i grani della nostra corona.

Altre ‘raccomandazioni’ ci tornano utili, per la recita del Rosario. Ad esempio, quando lo si recita in famiglia: "La famiglia che prega unita, vive unita" – ripeteva in tutte le contrade del mondo l’americano p. Peyton –; e Giovanni Paolo II ci ricorda, fra l’altro: "Il nostro cuore può racchiudere, in queste decine del Rosario, i fatti che compongono la vita dell’individuo, della famiglia, della Nazione, della Chiesa, dell’umanità intera. Il Rosario batte il ritmo della vita umana".

Il Rosario è anche la preghiera della pace, proprio perché è la preghiera che abbraccia tutto il mondo.

Un altro grande apostolo del Rosario nel nostro tempo, il Vescovo Fulton Sheen, aveva ideato una corona a cinque colori, ancora molto in uso: una decina di grani verdi, per ricordare le lussureggianti foreste dell’Africa; una decina rossa per l’America, abitata un tempo dai Pellirossa; una decina bianca per l’ Europa, in omaggio alla veste del Papa; una decina azzurra per l’Oceania, immersa nell’azzurro dell’Oceano Pacifico; una decina gialla per l’immenso Continente asiatico, abitato fra gli altri dai ‘gialli’ della Cina… Così, alla fine della corona, si abbraccia tutto il mondo.

L’uomo d’oggi, in questo mondo fracassone, ha più che mai bisogno di pause di silenzio e riflessione.

Ora, il Rosario è proprio una preghiera che invita alla calma, alle pause interiori dello spirito, alla riflessione; e, forse, proprio recitando il Rosario abbiamo modo di sentire l’amorevole rimprovero di Gesù a Marta, che pure si affannava per servire Lui: "Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, mentre una sola è la cosa di cui c’è bisogno. Maria si è scelta la parte migliore, che non le sarà tolta" (Lc 10, 41.42).

Infine, ricordiamo che, invocando nella recita del Santo Rosario la Madonna a pregare per noi "adesso e nell’ora della nostra morte", abbiamo anche l’opportunità di tenere sempre aperta una finestra sull’eternità, nelle occupazioni e preoccupazioni di ogni giorno…

Fonte: Mensile mariano "Madre di Dio"

Visite: 1226

TAGS: Don Gabriele AmorthSanto Rosario