Maria a Medjugorje Messaggio del 2 giugno 2007:Cari figli, anche in questo tempo difficile l’Amore di Dio mi manda a voi. Figli miei, non abbiate paura, io sono con voi. Con totale fiducia datemi i vostri cuori perché io possa aiutarvi a riconoscere i segni di questi tempi nei quali vivete. Io vi aiuterò a conoscere l’amore di mio Figlio. Io, attraverso di voi, trionferò. Vi ringrazio!

Jelena Vasilj: Studenti pendolari: non si ha voglia, non si riesce, come si fa a pregare?

Ricevuta da Alberto Bonifacio del Comitato Medjugorje di Lecco, trascritta da Giovanni Tisi, Carpenedolo,BS




Dice Jelena: rapporti stretti con Gesù' e Maria più' che fissare orari e modi.
E’ facile cedere in una concezione formalistica della preghiera, cioè farla nel tempo, nella quantità, nelle forme dovute, e credere così di aver adempiuto il proprio dovere, ma senza aver incontrato Dio; oppure rimanere scoraggiati per il nostro stato e abbandonarla. Ecco come risponde Jelena(16 anni) a un gruppo di Lecco.
Jelena: Non direi che si prega bene solo quando diventa una gioia pregare, ma bisogna pregare anche quando si è disturbati, ma nello stesso tempo si sente il desiderio di andare lì e incontrare il Signore, perché la Madonna dice che la preghiera non e nient’altro che un grande incontro con il Signore: non è solo andare a recitare per fare i propri doveri in questo senso. Lei dice che attraverso questo cammino possiamo capire sempre di più...Se uno è distratto, vuoi dire che non ha volontà; invece questa volontà occorre averla, e pregare per averla. Poi la Madonna dice che bisogna essere sempre abbandonati al Signore in ogni cosa che facciamo, nel lavoro, nello studio, con le persone, ed allora diventa più facile parlare con Dio, perché si è meno attaccati a tutte queste cose.

Domanda: Ho sedici anni, per me e difficile pregare; io prego ma mi sembra di non raggiungere. mai il massimo e di dover fare sempre di più.

Jelena: è importante che questi tuoi desideri e questi tuoi disturbi li abbandoni veramente al Signore, perché Gesù dice: “Vi voglio proprio come siete’, perché se fossimo perfetti non avremmo bisogno di Gesù. Ma questo desiderio di fare sempre di più certo può aiutare a pregare sempre meglio, perché bisogna capire che tutta la vita è un cammino e bisogna sempre andare avanti.

Domanda: Tu sei una studentessa pendolare, come molti nostri giovani che devono prendere la corriera, piuttosto pigiati, e arrivano a scuola stanchi, poi mangiano e poi aspettano il momento spiritualmente più adatto per pregare....

Jelena: mi viene in mente che la Madonna ci ha insegnato a non misurare il tempo e che la preghiera sia veramente una cosa spontanea. Ho cercato sopratutto di capire la Madonna come vera mia madre, e Gesù come mio vero fratello, non solo di trovare un tempo fisso per pregare e magari non riuscire a pregare. Ho cercato di capire che Lei è veramente quella che vuoi aiutarmi sempre.. Sempre allora quando mi sentivo stanca cercavo di pregare ugualmente, di invocarLa veramente, perché sapevo che se non mi aiuta Lei, chi altri mi,può,aiutare? E’ in questo senso che la Madonna è più vicina a noi nelle difficoltà e nelle sofferenze.

Domanda: Quanto preghi tu in una giornata?

Jelena: Dipende molto dalle giornate. A volte si prega due o tre ore, tante volte di più, qualche volta di meno. Se ho tante ore di scuola oggi, troverà domani il tempo di fare di più. Sempre si prega al mattino, alla sera, e poi di giorno quando si ha tempo.

Domanda: E l’impatto con i tuoi anici di scuola com’è? Ti prendono in giro, o ti sono venuti incontro?

Jelena: Siccome nella mia scuola siamo di diverse religioni, allora si interessano poco. Ma quando chiedono rispondo a quello che chiedono. Veramente non mi hanno mai preso in giro. Se poi, parlando di queste cose, vedi che la strada è un po’ dura, allora non abbiamo insistito mai a parlare, a raccontare: abbiamo veramente preferito pregare e dare l’esempio quanto è possibile.

Fonte: Eco di Medjugorje

Visite: 479

TAGS: IntervistaJelena VasiljPreghiera