Maria a Medjugorje Messaggio del 8 gennaio 1987:Cari figli, desidero ringraziarvi per ogni risposta ai messaggi. Specialmente, cari figli, vi ringrazio per tutti i sacrifici e le preghiere che mi avete offerto. Cari figli, desidero dare d'ora in avanti i messaggi non più, cari figli, tutti i giovedì ma ad ogni 25 del mese. E' arrivato il tempo in cui si è compiuto tutto quello che il mio Signore ha desiderato. Da oggi darò meno messaggi, ma sono con voi; perciò, cari figli, vi supplico: ascoltate i miei messaggi e viveteli affinché io vi possa guidare. Cari figli, grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Padre SLAVKO: LA PREGHIERA NON E’ UN OBBLIGO MA INCONTRO D’AMORE




A Jelena, che aveva avuto esperienza di Maria e di Satana è stato chiesto: “Come sai tu quando parla la Madonna o l‘altro? "Quando parla la Madonna - risponde— si sente tanta libertà, mai costrizione: ti parla, ti consiglia e ti senti libero; se parla l’altro diventi agitato, nervoso".

La preghiera secondo Maria. La Madonna ha aperto una scuola di preghiera: dai sette Pater Ave Gloria alla preghiera senza sosta". Per la Madonna la preghiera era cercare Dio, non un obbligo: era desiderio di essere con Dio. A questo punto molti possono essere in questa situazione: pregare perché me l‘hanno detto! Non si deve pregare nemmeno perché lo dice la Madonna : ci stancheremo. Poi c’è gente cristiana che fa con la preghiera come si fa con le tasse da pagare: meno si da, tanto meglio si sta. In un messaggio Lei ci ha detto: - Cari figli Io desidero che la Massa diventi un incontro gioioso con il Signore - raccomanda cioè che sia un incontro, non una serie di preghiere.

Può succedere che uno premi con il rosario intero. Se lo tralascia dirà che era stanco. Altri, pur di dir tutte le preghiere le concentrano tutte in una volta per essere liberi. Cosa direste di uno che rimanda tutti e tre i pasti alla sera per far tutto in una sola volta? La Madonna vuole che la preghiera diventi desiderio di incontro con il Signore: allora si risolve il problema di come, dove, quando pregare. Questo incontro ci dà gioia e pace. Come spiegate voi la bestemmia sulla bocca del cristiano che dice: “Sia santificato il tuo nome” oppure dice: “Perdona i nostri debiti care io perdono agli altri” e poi non perdonare le offese? “Come può una fonte dare acqua dolce e amara alla stessa maniera!” dice S.Giacomo. (Medjugorje 2 luglio 1987)

Visite: 616

TAGS: Padre SlavkoPreghiera