Maria a Medjugorje Messaggio del 25 settembre 1989:Cari figli, vi invito a ringraziare Dio per tutti i doni che avete scoperto durante la vostra vita, anche per il dono più piccolo che avete percepito. Io rendo grazie insieme a voi, e desidero che tutti sentiate la gioia dei doni e che Dio sia tutto per ognuno di voi. Allora, figlioli, potrete crescere incessantemente sul cammino della santità. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!
Messaggi straordinari imm1 imm2 imm3 imm4

Messaggio del 2 novembre 2018 (Mirjana)

Cari figli, il mio Cuore materno soffre mentre guardo i miei figli che non amano la verità, che la nascondono; mentre guardo i miei figli che non pregano con i sentimenti e le opere. Sono addolorata mentre dico a mio Figlio che molti miei figli non hanno più fede, che non conoscono lui, mio Figlio. Perciò vi invito, apostoli del mio amore: voi cercate di guardare fino in fondo nei cuori degli uomini, e sicuramente troverete un piccolo tesoro nascosto. Guardare in questo modo è misericordia del Padre Celeste. Cercare il bene perfino dove c’è il male più grande, cercare di comprendervi gli uni gli altri e di non giudicare: questo è ciò che mio Figlio vi chiede. Ed io, come Madre, vi invito ad ascoltarlo. Figli miei, lo spirito è più potente della carne e, portato dall’amore e dalle opere, supera tutti gli ostacoli. Non dimenticate: mio Figlio vi ha amato e vi ama. Il suo amore è con voi ed in voi, quando siete una cosa sola con lui. Egli è la luce del mondo, e nessuno e nulla potrà fermarlo nella gloria finale. Perciò, apostoli del mio amore, non abbiate paura di testimoniare la verità! Testimoniatela con entusiasmo, con le opere, con amore, con il vostro sacrificio, ma soprattutto con umiltà. Testimoniate la verità a tutti quelli che non hanno conosciuto mio Figlio. Io sarò accanto a voi, io vi incoraggerò. Testimoniate l’amore che non finisce mai, perché viene dal Padre Celeste che è eterno ed offre l’eternità a tutti i miei figli. Lo Spirito di mio Figlio sarà accanto a voi. Vi invito di nuovo, figli miei: pregate per i vostri pastori, pregate che l’amore di mio Figlio possa guidarli. Vi ringrazio!”

2018-11-02 mirjana

Richieste di preghiera

  • Per...
  • Per Annamaria S.
  • ...Dapprima
  • Anche oggi Dio piange davanti a calamità e guerre»
  • Commento al Vangelo

Notizie

imgnewsLa neonata aveva poche ore di vita. Il Darlington Memorial Hospital dopo una causa durata cinque anni ha accettato di pagare ai genitori decine di migliaia di sterline
imgnews Nemmeno le scuole paritarie cattoliche si possono dire immuni dalle infiltrazioni dell'ideologia gender, come dimostra il caso dell’istituto «Madonna Pellegrina» di Modena. Qui sia nell'Infanzia che nella primaria vengono tenuti da diversi anni progetti di educazione all’affettività e all’identità di genere.
imgnewsIl male vincerà se noi stiamo in silenzio. Ho imparato molto dalla vita e dalla sofferenza dei piccoli. Non resterò, non resteremo in silenzio. Da uomo, da prete, con Meter. Questo impegno deve sempre essere di tutto e agire con determinazione, per il bene dei piccoli. E’ da 15 ore che attendiamo che qualcuno si faccia sentire, che intervenga non solo per rimuovere un indicibile (mentre scrivo è ancora online, 21/11/2018 ore 14,17) materiale dove sono coinvolti n. 60 neonati violati sessualmente; ci sono anche dei filmati dove si scorgono, in maniera del tutto limpido e chiaro, gli abusatori.
imgnews La devastazione nell'arcivescovado e la strage nell'attiguo dormitorio in cui sono morte 48 persone. Ecco le immagini che ci hanno inviato testimoni sul posto.
imgnewsTante discussioni sul "Padre nostro" sarebbero state evitate se qualcuno si fosse preso la briga di leggere il Catechismo e la sua spiegazione di "non indurci in tentazione". Ma c'è un problema più ampio: inutile spendere anni sulla traduzione di una parola quando preti e vescovi regolarmente modificano a loro piacimento le parole della Liturgia.
imgnewsL'emiro del Qatar accolto con tutti gli onori. Nessun riferimento alla questione del finanziamento al terrorismo internazionale e ai gruppi estremisti legati alla Fratellanza Musulmana. Ed è qui che la "colonizzazione dolce" produrrà i suoi frutti amari. L'Italia rinuncia a qualsiasi contrapposizione nei confronti dell’estremismo, a cui , irresponsabilmente, le massime cariche dello Stato preferiscono stendere tappeti rossi.
imgnewsLa bimba Down data in affidamento a un sigle gay. Sicuramente le vorrà bene, ma voler bene non basta: questa bimba ha bisogno di una vera madre, non una figura femminile che gira per casa, una madre. Questa bimba ha bisogno della mamma. Che l'uomo che le vuole bene la trovi.
imgnewsIl cuore di Miran smette di battere, i dottori propongono alla madre il raschiamento, ma lei rifiuta chiedendo un parto indotto. Il figlio è già formato e certa che Dio ha un piano, anziché tenere per sé il dolore, onora «il dono che Dio mi ha fatto», postando alcune foto su Facebook. In effetti la sua breve vita, inutile per la cultura dominante, ha già fatto miracoli salvando dei bimbi dall'aborto.
imgnewsChow, studentessa di Berkeley, si è rifiutata di votare una risoluzione contro la definizione di sesso biologico. Compagni e giornali hanno chiesto le sue dimissioni da senatrice. E mentre viene insultata e minacciata, frequenta i corsi scortata come fosse una criminale. Nello stesso tempo, un assassino e violentatore con problemi psichiatrici viene assecondato con 20mila sterline nella sua richiesta di essere operato per sembrare femmina. Da dove nasce il paradosso e dove sta la speranza?
imgnewsIl Venezuela, sotto Chavez e adesso sotto Maduro, è ormai “un lager a cielo aperto”. Un’affermazione forte, fatta dall’avvocato Tamara Suju, venezuelana naturalizzata spagnola, specializzata in diritti umani. All'Oas, Organizzazione degli Stati Americani, ha denunciato centinaia di casi di tortura. E soprattutto l'uso della fame usata come arma, come strumento di repressione e di controllo politico e sociale dal regime di Maduro. Dal 2016, sta lavorando per portare il presidente autocrate a cospetto del Tribunale Penale Internazionale. Intervistata dalla Nuova Bussola Quotidiana, Tamara Suju ci parla degli orrori del regime, degli errori delle democrazie, della persecuzione subita dalla Chiesa e di una presa di coscienza necessaria.
imgnewsFra i musulmani, nessuno commenta la sorte della donna pakistana, bloccata nel suo Paese dopo essere stata assolta dall’accusa di blasfemia. Il potere della sharia e dell’islamismo influenza anche la Gran Bretagna. La sorte di Asia Bibi è simile a quella che nei Paesi islamici subiscono cristiani, ebrei, atei e musulmani non sunniti. La riflessione di un giovane insegnante musulmano.
imgnewsDavvero un bel libro, un romanzo da leggere e gustare. Parliamo di”Io mi chiamo Joseph” (Ares editrice), firmato dalla nota dottoressa- scrittrice Silvana De Mari. Come dicevamo, è un romanzo, gradevole, che tratta senza retorica da tromboni e senza scivolare nel solito stucchevole buonismo, il delicato tema dell’immigrazione e quello altrettanto serio delle persecuzioni contro i cristiani in alcune nazioni come la Nigeria a forte presenza islamica. Silvana De Mari non è affatto nuova a produzione letteraria, tuttavia questa volta si supera per sapienza ed equilibrio, certamente per uno stile fluido. Il libro racconta l’ avventuroso arrivo qui da noi di Joseph, ragazzo di 14 anni nigeriano, cristiano, sopravvissuto nella sua nazione ad un massacro anti cristiano. Passa la trafila di molti dei suoi coetanei tra difficoltà e disadattamento, imbattendosi nella rete degli sfruttatori ( ecco un altro tema: lo schiavismo, coloro che sui migranti fanno quattrini, una miniera per disonesti). Abbiamo intervistato l’ autrice.
imgnewsNella sala d’aspetto del pronto soccorso di un ospedale canadese compare uno spot per l’eutanasia. Così il diritto di morire si trasforma lentamente in dovere
imgnewsNell’ordinanza della Corte Costituzionale si rintraccia una logica individualistica e mortifera. L’intervento di Massimo Gandolfini e l’incontro sabato a Milano
imgnewsOggi inizia la Novena alla Medaglia Miracolosa.
imgnewsIl caso della festa di Halloween nella chiesa di San Gennaro a Napoli è solo la punta dell'iceberg di un fenomeno drammatico, quello delle chiese chiuse al culto e affidate a fondazioni per spettacoli e mostre. A Napoli sono oltre 200 le chiese che non vengono più utilizzate per la messa, ma depredate e sfruttate a scopo di lucro tanto da rasentare la simonia. Un comitato di fedeli chiede da tempo al vescovo di invertire la rotta, invano. Intanto il catalogo segnala chiese utilizzate come garage, pizzerie, sale da ricevimento e persino palestre. Il viaggio della Nuova BQ nel capoluogo campano.
imgnews Vangelo Mc 13, 24-32: Figlio dell'uomo radunerà i suoi eletti dai quattro venti.
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall'estremità della terra fino all'estremità del cielo. Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l'estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte. In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Quanto però a quel giorno o a quell'ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre».
imgnewsOggi inizia la Novena a Cristo Re.
imgnewsOnore al giornalista di repubblica.it Pablo Trincia che con i colleghi Alessia Rafanelli e Luca Micheli ha pubblicato sul sito del quotidiano una serie chiamata “Veleno” che racconta l’incredibile vicenda dei presunti pedofili e satanisti della Bassa Modenese. In particolare, a vent’anni dell’allontanamento di sedici bambini dalle loro famiglie, Trincia ha raccolto le testimonianze di due di quei minori, Sonia e Marta (nomi di fantasia), che hanno rivelato che nulla di vero c’era in quelle accuse.
imgnewsOggi il patriotismo è dipinto come xenofobo, ma chi promuove il cosmopolitismo serve un potere non democratico. Il primo a dirlo è Giovanni Paolo II che scrisse: «Quando penso “patria”, esprimo me stesso...frontiera segreta che da me si dirama verso gli altri, per abbracciare tutti». C'è chi dice che il papa si era "snazionalizzato", ma a Varsavia ribadì: «La parola “patria” ha per noi un significato affettivo».
Giovedi, 22 novembre 2018
(Santa Cecilia)
ita   eng   esp   fra   ger   cro  

Cerca nel sito

Rosario on line