Maria a Medjugorje Messaggio del 25 settembre 2002: Cari figli,anche in questo tempo di inquietudine vi invito alla preghiera. Figlioli, pregate per la pace affinché nel mondo ogni uomo senta l'amore per la pace. Soltanto quando l'anima trova la pace in Dio si sente contenta e l'amore scorrerà per il mondo. E in modo speciale, figlioli, siete chiamati a vivere e a testimoniare la pace, pace nei vostri cuori e nelle famiglie, e attraverso voi la pace scorrerà anche per il mondo. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

TESTIMONIANZA DI UNA RAGAZZA FRIULANA CONVERTITA IN UN PELLEGRINNAGGIO A MEDJUGORJE NELL'AGOSTO 1986




P. fu la prima a salire sul palco. Incantò tutti per la sincerità della sua confessione e le espressioni felici usate nell'esprimere quello che era, il suo impatto con Medjugorje, negativo, il primo giorno mentre il secondo giorno fu conquistata da Maria che l'ha centrata in pieno. Da quel giorno di metà giugno è diventata un'altra ragazza. Laureata in psicologia, ricca - suo padre titolare d’una ditta di autopullman, 60 in tutto con 120 dipendenti, e di una agenzia viaggi - con una bellissima carriera come consigliera o segretaria regionale e nazionale di un'agenzia viaggi, che l'ha portata nelle sfere più alte del mondo degli affari, con esperienze affettive che lei definisce 'castronerie'; ricca, quindi autosufficiente anche nei confronti di Dio e della Chiesa, critica e scettica su tutto e di tutto, a un certo momento, nella stanza delle apparizioni si sente sommersa da tutto il peso della sua vita sbagliata e poi avvolta improvvisamente da una brezza dolcissima, anzi da un vento che le fa freddo. Da dove viene? Si guarda attorno: tutto immobile.

Perché lei sente quel vento? E s'accorge che proprio quel vento ha spazzato via dal suo cuore tutto quello che gli pesava. E' ora leggera, è pulita, è nuova, è un'altra P. Poi venne a sapere che il vento è il segno di Maria. Uscendo da quell'apparizione P. non è più lei.

Questa confessione l'ha fatta a me giorni fa e poi l'ha ripetuta in quella sala gremita di gente che non conosceva. Oggi P. è tornata cristiana e figlia di Maria; ogni giorno messa, rosario e ogni venerdì digiuno anche se si trova fuori casa per un pranzo di lavoro - ultimamente a un pranzo di gala dove veniva servita carne di cervo lei osservò il digiuno tra lo stupore di tutti e anche i sorrisetti dei più cattivelli - perché vuole rendere testimonianza della sua conversione. Mi diceva: "Avevo tutto, sono arrivata in alto... ed era niente rispetto a quello che ho ricevuto dalla Madonna di Medjugorje".

Dopo P. è salita un'altra signorina a rendere la sua testimonianza. Lei era buona, era brava, pregava, faceva apostolato, insomma era a posto; più di così non era possibile, perciò aveva diritto di qualcosa di speciale da vedere a Medjugorje, da ricevere... E poi, davanti alla Vergine, a Medjugorje, ha scoperto tutta la sua povertà, il suo nulla, la sua ipocrisia, la sua presunzione. Si sentì anche lei spogliare di se stessa e diventare un'altra. Suor Margherita

Fonte: Eco di Medjugorje nr.37

Visite: 581

TAGS: Testimonianza