Maria a Medjugorje

Messaggio del 18 marzo 2007:Cari figli, vengo a voi come Madre con doni. Vengo con amore e misericordia. Cari figli, in me c'è un cuore grande. Desidero che in esso siano tutti i vostri cuori, purificati col digiuno e la preghiera. Desidero che insieme, per mezzo dell'amore, i nostri cuori trionfino. Desidero che attraverso questo trionfo vediate la vera verità, la vera via, la vera vita. Desidero che possiate vedere mio Figlio. Vi ringrazio.

Una duplice guarigione

19/03/2007 - Visite: 1916
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
Nella casa parrocchiale ci siano incontrati con un uomo di Pordenone, che ci ha raccontato la sua storia:
“Io sono stato un bestemmiatore per 40 anni. Mai a massa ed ero lo scandalo del mio paese. A un certo punto mi ammalai gravemente di asma. In ospedale i medici non sapevano più cosa fare: il mio respiro era sempre più affannoso, ma io bestemmiavo disperato. Finché una notte ebbi un sogno: ho visto la Madonna che mi diceva: ‘Vieni a Medjugorje.’.Da quel momento non bestemmiai più. Dissi a mia moglie: “Portami dalla Madonna in Jugoslavia”. Io mi sentivo molto male e non potevo guidare la macchina. Arrivai proprio al momento dell'apparizione davanti alla canonica. Io non conoscevo nessuno. Eppure Padre Slavko da lontano chiamò proprio me e mi fece entrare nella stanzetta con insistenza. Provai vergogna perché il mio respiro era piuttosto un rantolo che disturbava tutti. Volevo uscire, ma in quel momento entrarono i veggenti. Mi feci forza, e rimasi a pregare anche se non sapevo pregare. Accompagnavo col pensiero ciò che dicevano gli altri...

Quando i veggenti si inginocchiarono per l'apparizione improvvisamente sparì il mio rantolo, cominciai a respirare normalmente senza fatica. Ero guarito due volte: prima dalla bestemmia, ed ora dalla mia asma. Sono venuto a ringraziare e a fare la mia deposizione, seguita dai documenti medici. Non potrò mai ringraziare abbastanza la Madonna che mi ha salvato due volte."

P.Roberto