Maria a Medjugorje Messaggio del 17 ottobre 1985:Cari figli, ogni cosa ha il suo tempo. Oggi vi esorto ad iniziare a lavorare nei vostri cuori. Ormai tutti i lavori dei campi sono terminati. Voi trovate il tempo per ripulire anche i locali più nascosti, ma il cuore lo lasciate da parte. Lavorate di più, e con amore ripulite ogni angolino del vostro cuore. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Una duplice guarigione




Nella casa parrocchiale ci siano incontrati con un uomo di Pordenone, che ci ha raccontato la sua storia:
“Io sono stato un bestemmiatore per 40 anni. Mai a massa ed ero lo scandalo del mio paese. A un certo punto mi ammalai gravemente di asma. In ospedale i medici non sapevano più cosa fare: il mio respiro era sempre più affannoso, ma io bestemmiavo disperato. Finché una notte ebbi un sogno: ho visto la Madonna che mi diceva: ‘Vieni a Medjugorje.’.Da quel momento non bestemmiai più. Dissi a mia moglie: “Portami dalla Madonna in Jugoslavia”. Io mi sentivo molto male e non potevo guidare la macchina. Arrivai proprio al momento dell'apparizione davanti alla canonica. Io non conoscevo nessuno. Eppure Padre Slavko da lontano chiamò proprio me e mi fece entrare nella stanzetta con insistenza. Provai vergogna perché il mio respiro era piuttosto un rantolo che disturbava tutti. Volevo uscire, ma in quel momento entrarono i veggenti. Mi feci forza, e rimasi a pregare anche se non sapevo pregare. Accompagnavo col pensiero ciò che dicevano gli altri...

Quando i veggenti si inginocchiarono per l'apparizione improvvisamente sparì il mio rantolo, cominciai a respirare normalmente senza fatica. Ero guarito due volte: prima dalla bestemmia, ed ora dalla mia asma. Sono venuto a ringraziare e a fare la mia deposizione, seguita dai documenti medici. Non potrò mai ringraziare abbastanza la Madonna che mi ha salvato due volte."

P.Roberto

Fonte: Eco di Medjugorje nr.54

Visite: 541

TAGS: GuarigioneTestimonianza