Maria a Medjugorje

Messaggio del 25 dicembre 2004:Cari figli, con grande gioia anche oggi vi porto tra le mie braccia mio Figlio Gesù, che vi benedice e vi invita alla pace. Pregate figlioli e siate coraggiosi testimoni del lieto annunzio in ogni situazione. Solo così Dio vi benedirà e vi darà tutto ciò che cercate da Lui nella fede. Io sono con voi finchè l’Altissimo lo permette. Con grande amore intercedo per ognuno di voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Rappresentanti del Governo della Repubblica Italiana a Medjugorje

05/05/2013 - Visite: 1521
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
Raimondo De Cardona, Ambasciatore della Repubblica Italiana in Bosnia Erzegovina, e Giuseppe Pizza, Sottosegretario alla Ricerca Scientifica del Governo Italiano, hanno rappresentato il Governo Italiano in occasione dell’apertura della Quattordicesima Fiera Internazionale dell’Economia a Mostar Martedì 5 Aprile. Quel giorno essi hanno visitato anche Medjugorje e, a nome della Provincia Francescana dell’Erzegovina, sono stati accolti dal suo vicario, il Dott. fra Miljenko Šteko. Giuseppe Pizza ha dichiarato per Radio „Mir” Medjugorje: „Ho sfruttato questo poco tempo prima di andare a Roma per fare una capatina a Medjugorje, per pregare in questo famoso santuario in cui sono presente per la prima volta. Sono rimasto sorpreso dalla semplicità e dall’accoglienza ospitale. Questo luogo è particolare e conosciuto in tutta Europa come luogo di preghiera”. Egli ha aggiunto che in Italia la devozione mariana è profondamente radicata e che è fiero del fatto che gli Italiani siano i pellegrini più numerosi in questo luogo di preghiera. „Sono stato qui brevemente, ma amerei tornare di nuovo e trascorrere qui una giornata intera. In questo luogo si sente la pace e con ragione gli Italiani vengono qui in così gran numero” – ha aggiunto il Signor Giuseppe. L’Ambasciatore De Cardona ha detto di essere già stato a Medjugorje: “Ritorno volentieri a Medjugorje, un luogo in cui si sente la pace. A Medjugorje dobbiamo ringraziare i francescani che operano qui e faccio loro i migliori auguri”.