Maria a Medjugorje Messaggio del 18 Marzo 2002:Cari figli! Come madre vi prego, aprite il vostro cuore, offritelo a me e non abbiate paura di nulla. Io sarò con voi e vi insegnerò come mettere Gesù al primo posto. Vi insegnerò ad amarlo e ad appartenere totalmente a Lui. Comprendete, cari figli, che senza il mio Figlio non c’è salvezza. Bisogna che sappiate che è Lui il vostro inizio e la vostra fine. Solamente con questa conoscenza potete essere felici e meritare la vita eterna. Io, come vostra madre, questo desidero per voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.
artimg

Le omelie del Santo Curato d'Ars (San Giovanni Maria Vianney):La perseveranza

"Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato" (Mc 13,13)

Richieste di preghiera

  • grazie madonnina
  • Mamma
  • madonnina
  • madonnina
  • Per Annalia.

Notizie

imgnewsSono finiti quattro mesi di incubo per padre Teresito “Chito” Suganob, vicario generale della prelatura di Santa Maria Ausiliatrice a Marawi (sull’isola di Mindanao, Filippine) e cappellano dell'Università Statale di Mindanao. Il 23 maggio scorso, per vendicarsi del (mancato) arresto di Isnilon Hapilon, auto-proclamato Emiro del Sudest Asiatico, il Maute, gruppo jihadista affiliato allo Stato Islamico, prendeva il controllo della città di Marawi. La cattedrale di Santa Maria Ausiliatrice era uno dei primi edifici ad essere presi di mira. Padre Chito vi sta tenendo la messa, quando la chiesa viene presa d’assalto e profanata. Sia lui che altre quattordici persone (due impiegate della parrocchia e dodici fedeli) vengono catturati e tenuti in ostaggio dai terroristi.
imgnewsPubblichiamo ampi stralci della lezione magistrale tenuta dal cardinale Gerhard Müller sabato 16 settembre 2017 alla festa de Il Timone a Staggia Senese (SI).
imgnews "Documentazione falsa e ridicola". La Sala Stampa vaticana commenta le nuove presunte rivelazioni sulla scomparsa di Emanuela Orlandi nel 1983 contenute in un nuovo libro.
imgnewsSono passati quasi undici mesi dai giorni della liberazione delle cittadine cristiane della piana di Ninive occupate dall’Isis nell’estate del 2014, ma i tempi più difficili per la sopravvivenza delle comunità nei territori che furono la culla del cristianesimo in Iraq sembrano essere arrivati adesso. Stephen Rasche, consigliere legale e coordinatore capo del Comitato per la ricostruzione di Ninive (che riunisce rappresentanti delle tre principali Chiese della regione, cioè quella caldea che è cattolica, la siriaco ortodossa e la siriaco cattolica), ha lanciato l’allarme con un memorandum e con un’intervista. A Rimini, dove il Meeting per l’Amicizia fra i popoli gli aveva riservato due interventi per illustrare le realtà dei cristiani perseguitati nel mondo, Kent Hill, direttore esecutivo dell’Institute for Religious Freedom di Washington, lo ha confermato in una dichiarazione a Tempi: in assenza di un deciso intervento internazionale, l’estinzione della presenza cristiana nella piana di Ninive è questione di mesi.
imgnewsNon è vero che la Cirinnà non prevede le adozioni. Anzi, le presuppone. Con la sentenza del luglio scorso del tribunale dei minori il giudice ha adottato un minore a un "genitore sociale" proprio sfruttando le aperture della legge sulle Unioni Civili. Ecco come.
imgnewsIl numero delle scuole paritarie è diminuito di 415 unità: colpa della crisi economica ch si è aggiunta alla crisi demografica. Nonostrante provvedimenti timidi, ma ancora insufficienti il calo è anche l’effetto di una accelerata disgregazione della famiglia: più convivenze, più separazioni e divorzi, sempre meno ragioni per fare fatica.
imgnews Il Rapporto ONU sulla sicurezza alimentare rivela un aumento delle persone malnutrite nel mondo. Aumento delle guerre, rallentamento economico e gli effetti di El Niño (che non c'entrano nulla con presunte cause antropiche le principali cause. Avvenire punta invece il dito contro i cambiamenti climatici. Diversi studi provano al contrario che sono le cd politiche climatiche a provocare povertà e malnutrizione.
imgnewsNegli Stati Uniti i cattolici qualsiasi, i cattolici della strada, si sono fatti sentire e hanno impedito con le loro proteste che istituzioni di rilievo del mondo cattolico dessero spazio al gesuita James Martin, autore di un libro (Building a bridge) che viene visto dai suoi critici come una forma di appoggio al modo di vita LGBT. James Martin è stato nominato da mons. Dario Viganò, per ragioni che non ci è dato di conoscere, come consultore dell’istituzione che gestisce l’informazione della Santa Sede. James Martin è noto per le sue esternazioni filo LGBT.
imgnewsIl 14 settembre, nel giorno dell’Esaltazione della Santa Croce, è stata inaugurata e benedetta in Libano una monumentale statua di san Charbel Makhluf (1828-1898), alta 27 metri e pesante 40 tonnellate, con al suo interno un frammento d’osso del santo. Una figura straordinaria che è opportuno approfondire.
imgnewsHo vissuto la dipartita del card. Carlo Caffarra con dolore e serena fiducia. Ma anche «di ogni cosa perfetta ho visto il limite» (Sal 118,96). Così mi è tornato alla mente il ricordo di qualche prete che con lui non si era trovato bene. E ho percepito il sollievo di quanti hanno considerato la sua morte un ostacolo in meno per il nuovo corso. A fronte della morte di grandi personaggi c’è sempre qualcuno che tira un sospiro di sollievo: ricordo un discorso dopo l’attentato a san Giovanni Paolo II (13.5.1981), che lasciava intuire un: “Purtroppo non è morto!”; conosco quanto Giordano di Sassonia († 1237), successore di san Domenico alla guida dell’Ordine Domenicano, scrisse sulla morte di Innocenzo III (16.7.1216), con il quale i rapporti istituzionali erano stati un poco difficili: «Nel frattempo il signor Innocenzo papa fu tolto di mezzo (sublatus est de medio) e gli successe Onorio» (Libellus..., 45): che bel sollievo! Però mi è anche venuto in mente: «Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti» (Lc 6,26). Se Caffarra fosse stato un “falso profeta”, il plauso sarebbe stato più fragoroso, ma a suo danno.
imgnewsC'è una strategia finanziaria in essere per sostenere il fondamentalismo di matrice jihadista. Nel progetto dei Fratelli Musulmani, ritrovato nel settembre del 2001 nella villa svizzera di un affiliato, Youssef Nada, è tutto piuttosto chiaro. Qualora non lo si fosse capito prima.
imgnewsAttualmente l’argomento eutanasia è molto di moda e preoccupa parte della nostra società per la liberalizzazione di questo gesto definitivo. Lavorando al Centro di Aiuto alla Vita Mangiagalli mi sono trovata più volte a dovermi confrontare con un altro tipo di eutanasia: la “dolce morte” da somministrare a feti – che io chiamo piccoli bimbi – che mostrano gravi anomalie nell’esame praticato al quinto mese: l’ecografia morfologica. Infatti questo tipo di indagine minuziosa prende in considerazione tutti i vari organi per verificarne la funzionalità e la dimensione.
imgnewsCome si annuncia la buona notizia? Come ha voluto Gesù: “Non procuratevi oro, né argento, né moneta di rame nelle vostre cinture, né bisaccia da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché l'operaio ha diritto al suo nutrimento” (Mt 10,9-10). Solo in questo modo, cioè solo mettendo a disposizione la loro vita, i discepoli sono credibili. Si è chiuso martedì 12 il periodo di circa tre mesi in cui 13.000 fra uomini, donne, preti, seminaristi, giovani e meno giovani, appartenenti al Cammino neocatecumenale, hanno annunciato in tutte le nazioni in cui sono presenti che Gesù ha vinto la morte e ci ama. In una parola hanno annunciato il Vangelo, la buona notizia. Sono stati inviati due a due (maschi e femmine separati), dopo che le coppie sono state estratte a sorte, come a sorte è stata estratta la località di missione, senza soldi, senza cellulare, senza niente. Avevano solo la Bibbia, il salterio, il rosario, il crocifisso e il biglietto di andata e ritorno per il posto della missione. E’ quasi incredibile ma tutti, dico tutti, anche quelli che hanno dormito sempre all’aperto racimolando qualcosa per sopravvivere (anche le briciole date alle oche nei parchi, come è successo a Gabriel a Tudela del Duero), tutti sono tornati dopo una settimana contenti. Una settimana, questa infatti era la durata della missione. Andando per strada, nei parchi, nei bar, nei centri commerciali, si incontrano persone di ogni tipo. E spesso succedono fatti singolari, per non dire miracolosi, per non dire incontri che Dio ha espressamente previsto, permesso e voluto. Così racconta Cletha, 50 anni, indiana, in missione a Hubli: “abbiamo incontrato una ragazza che sembrava sconvolta, le abbiamo annunciato la vittoria di Cristo sulla morte, è scoppiata a piangere e ci ha consegnato dei soldi che aveva in borsa: le servivano per acquistare veleno per farla finita (di casi del genere, di persone che stavano per uccidersi, ne sono stare incontrate parecchie). La chiesa, corpo di Cristo, somiglia al suo Signore: è splendida. E quando si vede, quando si intravede lo splendore della chiesa, si resta stupefatti. Qualche testimonianza fra quelle che, al ritorno, ho avuto modo di ascoltare:
imgnews Il sacerdote salesiano di origini indiane, rapito in Yemen da un commando dell’Isis, ha incontrato ieri papa Francesco. Monsignor Hinder: «Sono felice, ringrazio Dio»
imgnews La parentela tra la santità e la vita militare è tale che lo stesso san Paolo non trovò di meglio che usare termini militareschi. La decisione di fare di papa Roncalli patrono dell’esercito è in linea logica con quel che visse e disse, visto che fu proprio lui ad elogiare i suoi anni in divisa.
imgnewsNel decennale del Motu proprio Summorum Pontificum l'ex prefetto della Congregazione ribadisce che "per dare un autentico senso alla propria vita, in tanti cercano un'unione che vada alla sostanza: l'incontro con Gesù Cristo. E questa unione avviene nella liturgia. Il Summorum Pontificum ha portato grandi benefici alla Chiesa". Dubbi sulla riforma dei libri liturgici.
imgnewsUn esercito potenziale di 50.000 uomini pronti a colpire l'Europa. La statistica sui potenziali terroristi nel Vecchio Continente, la metà dei quali si trova nel Regno Unito, è stata illustrata da Gilles de Kerchove, coordinatore dell'antiterrorismo di Bruxelles. Sconfitto sul terreno in Iraq e Siria, l'Isis sta ricominciando a stornare fondi e uomini all'Europa. Il problema è che molti di questi terroristi ricevono regolari sussidi del welfare degli Stati che li ospitano.
imgnewsLe Père René Laurentin, prêtre et historien des apparitions de Lourdes, est décédé dimanche 10 septembre 2017. Il allait avoir 100 ans en octobre. Ses obsèques seront célébrées vendredi 15 septembre, à 10h30, en la cathédrale d'Evry. Elle seront présidées par Mgr Michel Dubost, évêque d'Evry-Corbeil-Essonnes, en présence notamment de Mgr Nicolas Brouwet, évêque de Tarbes et Lourdes.
imgnews Vangelo Mt 18, 21-35: Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito. Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.
Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».
imgnews Sharon Masih ha 15 anni. Frequenta la scuola superiore pubblica a Burewala, nel Punjab, India. E’ cristiano Sharon. Abita in piccolissimo villaggio sperduto, Chak-461, e ogni giorno deve farsi almeno 100 km per arrivare a scuola, spesso e volentieri a piedi. Quattro giorni fa Masil è stato fermato e sequestrato dai compagni che, con atti di bullismo, hanno iniziato a compiere violenze sempre più pesanti, fino a colpirlo con pugni e calci. Il ragazzo è crollato a terra esanime. E’ morto in ospedale a Burewala poche ore dopo. La polizia ha registrato un caso di omicidio ai danni di Ahmed Raza e di altri studenti musulmani, consegnando il corpo ai parenti del ragazzo, affranti. Secondo le prime indagini della polizia, sembra che il ragazzo fosse vittima di bullismo, di molestie e insulti anche a causa della sua fede cristiana e che i compagni avessero tentato di far convertire Sharon all’islam. Il ragazzo ha resistito anche nell’ultimo episodio di violenza, rivelatosi fatale. Date le minacce e le violenze già subite, Sharon aveva manifestato l’intenzione di cambiare scuola.
Martedi, 19 settembre 2017
(Madonna di La Salette)
ita   eng   esp   fra   ger   cro  

Cerca nel sito

Ultimi articoli inseriti

Rosario on line