Maria a Medjugorje

Messaggio del 24 ottobre 1985:Cari figli, di giorno in giorno desidero rivestirvi di santità, di bontà, di docilità e di amor di Dio, in modo che di giorno in giorno siate più belli e più disponibili per il vostro Signore. Cari figli, ascoltate e vivete i miei messaggi. Io desidero essere la vostra guida. Grazie per aver risposto alla mia chiamata!

Tomasek, il Cardinale che non ha paura: Profondamente grato a Dio per Medjugorje

23/10/2006 - Visite: 1416
IncrFont Stampa IncrFont Facebook Twitter
La “Sveta Bastina” del gennaio 1988 riportava una lunga intervista con il Cardinale “di ferro” Frantisek Tainsek, Arcivéscovo di Praga. che,dopo essere stato interrogato sulla situazione della chiesa. cecoslovacca,ha risposto anche a una domanda su Medjugorje:

D. Lai ha sentito di Medjugorje? Cosa pensa di questi fatti e del movimento spirituale che là succede?

R. Oh come no? Ho sentito. Questi avvenimenti sono tanto importanti. Penso che noi qui abbiamo ricevuto tanto da Medjugorje per mezzo di Maria. La preghiera e il digiuno, la fede e la conversione e l'invito alla pace possono essere solo da Dio. Ho incontrato tanti che sono stati a Medjugorje: sono pieni di speranza e desiderano dare testimonianza della loro fede. Conosco tanti che digiunano e pregano perché questo hanno imparato a Medjugorje. Il popolo ha fame e sete della Parola di Dio. Quando gli uomini vogliono impedire l’annuncio della Parola di Dio, Dio trova il modo per raggiungere e unire tutti i suoi figli. Io sono profondamente grato a Dio per Medjugorje. Medjugorje si collega benissimo insieme con 70 anni dalle apparizioni di Fatima e con quest'anno Mariano. Veramente sento tanto parlare di Medjugorje, ma desidero sentirne parlare sempre di più.

Anch’io desidero andare a Medjugorje, se sarà possibile, per prendere speranza nuova. Questo desiderano anche tanti miei fedeli.

(Traduz. di Josko Perkovid, Sinj).